OGNI MERCOLEDI' NELL'AULETTA DI FDP DALLE 14 ALLE 16 SPORTELLO - RICEVIMENTO STUDENTI.


Giovedì 23 gennaio 2014 alle ore 16.00, nell' auletta di Fdp, ci sarà la nostra plenaria.
Come sempre estendiamo l'invito a partecipare a tutti voi: gli argomenti da trattare sono numerosi e di rilievo, non mancate!

COMUNICATO CONGIUNTO DELLE LISTE DI SINISTRA MILANESI:

Ieri, 17 gennaio 2014, avrebbe dovuto tenersi presso l’università Statale di Milano un convegno neonazista organizzato dal gruppo Alpha legato all’organizzazione di estrema destra Lealtà e Azione. A seguito delle pressioni da parte dei rappresentanti di Unisì e dei collettivi studenteschi il Rettore Vago aveva negato l’autorizzazione dell’aula. Il gruppo neonazista si è quindi spostato all’interno degli spazi del Politecnico di Milano, dove un membro dell’associazione Azione Politecnica era riuscito, in maniera subdola e infame, tacendo sulla natura dell’evento e dei partecipanti, a prenotare un’aula.

Grazie all’intervento dei rappresentanti de La Terna Sinistrorsa e del presidio antifasciste che nel frattempo si era formato in Piazza Leonardo, la conferenza è stata interrotta e l’aula sgomberata.

L’università è un luogo di formazione e promozione della cultura e una sua violazione da parte di forze naziste e razziste è intollerabile.

Riteniamo gravissima la mancata salvaguardia della sacralità dei luoghi di formazione e promozione culturale e dei principi antifascisti che sono alla base della Costituzione italiana.

La Questura non poteva non essere a conoscenza della natura del convegno, avendo anche dispiegato forze dell’ordine al di fuori dell’Università.

Ancora una volta, l’istituzione preposta alla tutela dell’ordine pubblico si è dimostrata incapace di agire in maniera preventiva, costringendoci per l’ennesima volta ad assistere a scene di violenze indegne tra studenti antifascisti e polizia, anziché bloccare sul nascere eventi di natura intrinsecamente incostituzionale. Pertanto condanniamo l’operato della polizia.

In questo periodo di crisi nazisti e fascisti vogliono rialzare la testa per riconquistare legittimità di iniziativa a partire dai luoghi della formazione. Riteniamo che tutte le istituzioni, a partire da quelle del mondo della scuola e dell’università abbiano quindi il dovere di alzare la guardia affinché fatti come quelli di ieri non accadano mai più.

 

La Terna Sinistrorsa – Politecnico di Milano
ListediSinistra – Università Milano Bicocca
Unisì – Università Statale Milano
ULD – Università Cattolica Milano

Martedì 29 ottobre alle 14.30 nell'aula 302 di via Celoria ci sarà la nostra PLENARIA. Invitiamo tutti voi a partecipare !!!!

Nell'ambito della RIORGANIZZAZIONE DEGLI SPAZI si aprirà una discussione in Conferenza degli Studenti. Invitiamo tutti gli studenti a compilare il questionario qui allegato in modo tale da poter raccogliere le vostre opinioni e riportarle agli organi dell'Ateneo.

https://docs.google.com/forms/d/1q-BrJZef62xCgVVmYDQhBOBMAiPHsRAEuNGgdIZTWKk/viewform

 

Parteciperemo a questo appuntamento per chiedere al comune servizi per gli studenti e per chiedere che gli studenti siano presi maggiormente in considerazione dalla comunità milanese.

Non mancate!

http://studiaremigencamp.eventbrite.it/

Siete in cerca di una stanza o di un coinquilino?
Siete un padrone di casa che vuole affittare una casa o delle stanze a degli studenti?
Questa pagina farà di certo al caso vostro, BachecAlloggi - Università Statale di Milano, è un servizio fornito dai vostri rappresentanti di UniSì per aiutarvi nella ricerca dell'alloggio giusto per voi.

https://www.facebook.com/pages/BachecAlloggi-Universit%C3%A0-Statale-di-Milano/110616172290646?hc_location=timeline

In merito all’intervista rilasciata il 6 settembre 2013 dal Rettore Vago condanniamo qualsiasi forma di violenza all’interno dell’Ateneo e chiediamo che le responsabilità dei singoli vengano accertate al più presto, perchè l’incolumità degli studenti e del personale all’interno dell’università resta una nostra priorità. 
Siamo e resteremo contrari ad una qualunque forma di controllo sugli ingressi all’Ateneo: la nostra idea di Università è quella di un luogo aperto verso la città e non possiamo accettare quindi un sistema di tornelli che ne limiti gli accessi ipotizzato nelle dichiarazioni del Rettore di oggi. Manterremo questa posizione in tutti gli Organi Accademici non appena affronteremo la questione in modo collegiale.

 


Cambiano le tasse:4000 studenti esentati in più e sgravi per le fasce deboli.

Dal prossimo anno interverranno sostanziali cambiamenti in merito alla contribuzione studentesca.

Mentre in quasi tutte le università italiane si assiste ad un forte aumento della tassazione, noi possiamo registrare con orgoglio un altro risultato per la nostra lista: da settembre in Statale di tasse gli studenti ne pagheranno meno, grazie ad una rimodulazione completamente a vantaggio delle fasce di reddito medie e basse.

• La soglia di ISEEU al di sotto della quale vi è la totale esenzione si alza dagli attuali 11000€ a 14000€, grazie a questo 4000 studenti che oggi pagano, dal prossimo anno non pagheranno alcun contributo.


  • Diminuzione complessiva della contribuzione studentesca; gli effetti di questa diminuzione non saranno ugualmente ripartiti, ma andranno a vantaggio (in maniera progressiva) delle fasce medie, al di sotto della soglia dei 40000€ di ISEEU. 

  • Verrà aumentata dall'attuale 15% al 20% la detrazione per gli studenti part-time, così da incentivare ulteriormente questa modalità di iscrizione e frequenza dei corsi (cosa che produrrà benefici per gli studenti e per l'Ateneo).

  • Cambia anche la situazione per i fuoricorso: siamo riusciti a limitare esclusivamente alle fasce alte l'abolizione della riduzione contributiva del 30%. Gli studenti fuori-corso delle fasce più basse si manterranno invece sui livelli di contribuzione già in vigore, e in alcuni casi vedranno comunque diminuire l'importo della seconda rata. 

  • Riduzione dei requisiti di reddito per accedere alle detrazioni per studenti lavoratori.



 

Questo dimostra che la rappresentanza di UniSì è in grado di ottenere grandi risultati che influiscono positivamente sulla vita universitaria di migliaia studenti, compresi quelli che ci considerano marginali e ininfluenti.



 

I rappresentanti di UniSì- Uniti a Sinistra.

Unisì ha deciso di avviare la PIATTAFORMA DIDATTICA (ora solo per studi umanistici ma presto ci sarà l’estensione alle altre facoltà), un archivio digitale ad accesso libero e gratuito grazie al quale gli studenti possono scambiarsi appunti, registrazioni di lezioni e in genere tutto il materiale didattico. Trovate la piattaforma a questo indirizzo.
Questo è il link nel quale sono contenute tutte le istruzioni per poter caricare e scaricare il materiale didattico, chiediamo di prestare particolare attenzione alla liberatoria.
Per qualsiasi chiarimento potete contattare 
Giulio Gipsy Crespi, Federica Carenini e Martina Rosola.

Lunedì 10 giugno alle ore 16.30, nell'aula 207 di via Celoria, è convocata la PLENARIA di Unisì. Come sempre, invitiamo tutti voi studenti a parteciparvi per rimanere costantemente aggiornati sul lavoro svolto dai rappresentanti negli organi dell'Università e sulle iniziative che Unisì organizza.

Martedì 11 giugno 2013, nell'aula 109 di via festa del Perdono, Unisì ha organizzato l'incontro "Sex and the University". Durante l'incontro si parlerà del tema della sessualità, anche alla luce di quanto emerso dalle interviste e dalle bacheche nelle quali gli studenti potevano esprimere le loro idee sul tema.


Oggi Consiglio di Amministrazione campale.
UniSì porta a casa quello che per anni i nostri predecessori non sono riusciti ad ottenere: abbiamo inserito nel piano delle performances il passaggio dalle microfiches al PDF. Questo porterà un risparmio per gli studenti.
Grazie al nostro consigliere di Amministrazione Gianluca Cannarozzo.

"Chi sceglie un'ideologia può anche sbagliare, ma scegliere i poveri, i fragili, gli ultimi non è ideologico, quindi non può essere sbagliato"
Don Andrea Gallo

Il 21 maggio (dalle 9.00 alle 19.00) e il 22 maggio (dalle 9.00 alle 14.00) ci sono le elezioni per il RINNOVO DEL CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI STUDENTI UNIVERSITARI (CNSU). 

Il CNSU è un organo consultivo del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, composto da 28 studenti universitari. Tale organo ha competenze di rilievo per noi studenti, basta pensare al suo compito di formulazione di pareri e proposte su tutte le materie attinenti al sistema universitario e alla sua competenza a rivolgere al Ministero dell'Istruzione interrogazioni cui il medesimo Ministero deve rispondere entro 60 giorni. 

Data l'importanza del CNSU nel riordino del sistema universitario, UniSì invita tutti voi a votare.

Oggi si celebra la sesta Giornata internazionale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia: era il 17 maggio del 1990 quando l’Organizzazione Mondiale della Sanità tolse l’omosessualità dalla lista delle malattie mentali. Sono trascorsi ventitre anni ma in molti considerano l’omosessualità una malattia. La giornata odierna serve per ricordare a tutti che la “diversità” non è una malattia, ma una ricchezza. Diciamo no alll'omofobia, alla bifobia e alla transfobia e condanniamo gli atti di violenza perpetuati da chi crede ancora che essere omosessuale sia una malattia.

Ieri, martedì 14 maggio 2013, abbiamo portato la questione degli appelli nella commissione didattica del Senato Accademico, la pro-rettrice dopo le nostre sollecitazioni ha chiesto a tutti i presidenti delle facoltà di far rispettare il regolamento didattico ancora vigente (che potete scaricare a questo link http://www.unimi.it/ateneo/normativa/2281.htm) che prevede un minimo annuale di 6 appelli e i 60 giorni di anticipo per conoscere le date degli esami. 
Ora i nostri rappresentanti in ogni dipartimento chiederanno ufficialmente il rispetto delle norme in particolare degli articoli 20 e 22 che disciplinano gli appelli d'esame.
Dateci una mano, segnalateci le inadempienze di ogni docente, che i nostri rappresentanti provvederanno a segnalarle ai direttori di dipartimento.

In seguito ai fatti avvenuti negli ultimi giorni nella sede di via Festa del Perdono, come rappresentanti negli organi accademici, ci sentiamo in dovere, dopo i comunicati brevi già espressi, di spiegare la nostra posizione e di fornire tutte quelle informazioni di cui siamo a conoscenza, in virtù del nostro ruolo.

Fatti storici. La CUEM viene occupata dopo sette mesi di inattività. La vecchia amministrazione trova una soluzione nell'adibire lo spazio occupato a punto ristoro e quindi alle famose "macchinette". Cambia il Rettore e questa soluzione viene accantonata, per cominciare un periodo di dialogo condotto, in vie formali e non, per diversi mesi. Dialogo condotto unilateralmente per le continue chiusure da parte degli occupanti, non disposti a garantire un profilo di legalità, indispensabile per l'ateneo. Smentiamo subito la voce che vuole l'amministrazione richiedere 80.000€ agli occupanti per regolarizzare la loro posizione. La stessa mail, da loro inviata al Consiglio di Amministrazione, conteneva rivendicazioni inconcepibili per l'Ateneo e la sua struttura, proprio la negazione del concetto di regole.

Pertanto l'Ateneo, non potendo instaurare un dialogo efficace, ha proceduto alla creazione di un avviso pubblico, rivolto ad associazioni e cooperative studentesche, con criteri evidentemente elastici e decisamente aderenti alla situazione di fatto già presente, quasi a voler incentivare il consolidarsi della suddetta posizione. Smentiamo, a questo punto, un'altra voce che ci vuole partecipanti a questo avviso pubblico; uniSì non ha mai espresso la volontà di parteciparvi.

Successivamente in occasione dell'anniversario dell'occupazione, all'interno di un discorso politico, che comunque noi non condividiamo, si constata un serio innalzamento della tensione, in seguito al deturpamento della struttura universitaria avvenuto durante i festeggiamenti.

Lo sgombero dei locali è avvenuto nella giornata di sabato, senza alcun intervento della polizia e preservando totalmente il materiale presente all'interno.

Sugli avvenimenti del lunedì successivo, ci siamo già pronunciati, e ribadiamo la ferma condanna per l'intervento delle forze dell'ordine, peraltro condotto con metodologie particolari e difficilmente giustificabili.

Condanniamo, senza riserve, le azioni compiute da alcuni nella giornata di martedì. In particolare riteniamo che la raccolta della pavimentazione del chiostro, degli strumenti edili, del materiale antincendio e altri oggetti contundenti, siano azioni assolutamente deprecabili, qualunque sia la rivendicazione alla quale tendono. Così come crediamo che ferire un dipendente dell'Ateneo, che compiendo il suo lavoro, tentava di riaprire l'ingresso del civico 7, sia un comportamento inaccettabile.


Come rappresentanti pensiamo di aver fatto il nostro dovere nell'opera di mediazione avvenuta negli organi preposti, nella gestione dell'evacuazione della giornata di martedì, e nel garantire che quegli spazi non finissero in gestioni diverse da quelle studentesche.

Sentiamo invece che il nostro compito sarà sempre mutilato, almeno in parte, se non riusciremo a diventare un punto di riferimento per tutti gli studenti della Statale.

La nostra è una formazione nuova, ad appena un anno dalla sua fondazione, e già ha ottenuto ottimi risultati negli organi, ma ha bisogno dei vostri pareri e delle vostre critiche per ricoprire il ruolo per cui è nata.

I rappresentanti di UniSì - Uniti a Sinistra

 


Stiamo costituendo il CIRCOLO ANPI della Statale, chi volesse iscriversi può scrivere a martina.rosola@studenti.unimi.it oppure può venire mercoledì 10 aprile dalle 14 alle 16 nell'auletta di via Festa del Perdono. Costo tessera: 15 euro.

Cinque maggio 2013: stamattina moriva Agnese Borsellino, vedova del magistrato Paolo Borsellino, assassinato dalla mafia siciliana nel 1992. Esempio di infaticabile lotta antimafia, donna che fino all’ultimo ha testimoniato in nome della legalità, per denunciare quel sistema corrotto che è ancora oggi la mafia. A lei va oggi il nostro più caro pensiero, perché nessuno possa credere che la lotta antimafia si sia esaurita. Oggi e ogni domani, le loro idee cammineranno con coraggio sulle nostre gambe. 

Ciao Agnese.

Cari studenti, care studentesse,
nelle scorse settimane abbiamo intervistato, con le domande che vedete qua sotto, alcuni e alcune di voi sul tema della sessualità, altri/e ci avranno visto farlo nei corridoi. Queste interviste fanno parte di un progetto più ampio, tramite cui vorremmo riflettere e approfondire il tema della sessualità che crediamo sia importante perché riguarda tutti e tutte e perché si riflette in altri ambiti della vita, ma che è ancora un tabù. Nei giorni scorsi abbiamo installato delle bacheche nelle sedi di via Noto (al primo piano, vicino alle macchinette), via Conservatorio (in cortile dove ci sono le bacheche), via Festa del Perdono (all’atrio del numero civico tre, dove c’erano i terminali SIFA) e via Celoria (nell’ala sinistra del piano rialzato del settore didattico Celoria), dove chiunque può scrivere ciò che pensa riguardo la sessualità, a partire da sé. È anche disponibile uno spazio sul web con la stessa finalità: progettosessualita.blogspot.it

Raccoglieremo e discuteremo le suggestioni che vengono dalle interviste e dalle bacheche in un incontro che si terrà a fine maggio in via Festa del Perdono. 
Seguiranno informazioni più dettagliate riguardo a ora e luogo dell’incontro.

DOMANDE INTERVISTA SULLA SESSUALITA'
-Cos’è nella tua esperienza la verginità?
-Ti crea problemi parlare di sesso? Pensi che sia volgare?
-Quando parli di sesso, usi termini espliciti, o allusioni più o meno implicite?
-Quando parli di sesso con i tuoi amici, ti senti in imbarazzo, ci scherzi sopra, quanto vai a fondo? Chiedi consigli? Sfoggi le tue prestazioni?
-Nella tua esperienza la fine dell’atto sessuale e l’orgasmo coincidono?
-Quanto ti dico “rapporto sessuale” cosa pensi? 
-Vivi serenamente la tua masturbazione? Pensi che l’educazione ricevuta abbia influito sul tuo modo di vivere la masturbazione?
-Pensi che la masturbazione escluda la dimensione relazionale di coppia o pensi possa aprire un confronto? 
-Nella tua esperienza la masturbazione costituisce un atto sessuale completo, o è sempre finalizzata alla penetrazione?
-Nella tua esperienza il sesso orale costituisce un atto sessuale completo, o è sempre finalizzato alla penetrazione?
-Quando ti lasci andare nel rapporto sessuale? 
-Nei tuoi rapporti sessuali cosa sono passività e attività? 
-Come esprimi i tuoi desideri durante il rapporto sessuale? E i tuoi disagi? 
-Nel fare sesso, ti viene l’idea che l’altra persona sia tua? Come colleghi queeste cose, la sessualità e questa idea? 
-Nella tua esperienza il sesso cambia o ha cambiato la relazione con una persona? Come? 
-Nella tua esperienza la relazione che hai con una persona cambia/si rispecchia nel rapporto sessuale? In che modo?
-L’idea che il tuo partner o la tua partner abbia rapporti sessuali con altre donne o con altri uomini, che sensazione ti dà?
-Nell’esperienza tua o di chi conosci il tradimento rafforza/ha rafforzato il legame o lo distrugge?
-Quando ti capita di essere gelosa/o?
-Tendi a mettere sempre al corrente il/la tuo/a partner delle tue gelosie?
-Nella tua esperienza, il rapporto sessuale è sempre connesso a un sentimento?
-Per quale motivo accetteresti o non accetteresti di fare sesso ricevendo in cambio di un vantaggio materiale?
-Per quale motivo andresti o non andresti con una prostituta o con un gigolò? E se non ti costasse niente?
-Nella tua esperienza la scelta del metodo contraccettivo è fatta in coppia? quali metodi hai/avete considerato? E usato?
-Nella tua esperienza la possibilità che l’atto sessuale sia procreativo condiziona l’atto stesso?
-Nella tua esperienza la possibilità che l’atto sessuale esponga a malattie sessualmente trasmissibili condiziona l’atto stesso?
-Quali risultati hanno avuto su di te incontri o campagne informative sulla prevenzione delle malattie sessualmente trasmissibili?
-Ti risulta che ci sia uno scarso uso del preservativo? E quando non si usa, perché pensi che succeda? 

-Cosa vuoi dirci a partire da te sulla sessualità? 


 

STATALE SPORT DAY: 15 MAGGIO 2013 DALLE 09.00 ALLE 17.00
Fino al 10 maggio è possibile iscriversi (costo: 5 euro) presso i Cus Point di via Golgi ang. via Pascal e di Via Festa del Perdono.

VIETATO MANCARE !

Lunedì 13 maggio alle 16.00 siete invitati, nella Sala Lauree di Scienze Politiche di Via Conservatorio, all'incontro sui BIODIRITTI. Parteciperanno, fra gli altri, Beppino Englaro e Mario Riccio.
Modera l'incontro il nostro rappresentante Dario Nascone. 

 

SENZATOMICA - trasformare lo spirito umano per un mondo libero da armi nucleari”, è una campagna volta alla sensibilizzazione di tutte le persone alle tematiche del disarmo nucleare.

 

Gli obiettivi di SENZATOMICA sono:

- informare i cittadini sugli inganni e i paradossi della sicurezza fondata sulle armi nucleari;

- sviluppare un movimento di diplomazia parallela promossa da comuni cittadini che rivendichi pacificamente il diritto a un mondo libero da questi strumenti di distruzione totale;

- promuovere una Convenzione Internazionale sulle Armi Nucleari entro il 2015, per la quale all’ONU è già stato presentato un testo di riferimento dal 1997.

 

L'iniziativa vede una delle sue concretizzazioni in una mostra itinerante gratuita che si terrà dal 9 al 29 marzo presso la Rotonda della Besana (Via Enrico Besana, 12 - 20122 Milano), con il patrocinio del Comune di Milano. In mostra 42 pannelli nel percorso principale e 11 pannelli nel percorso dedicato a i bambini suddivisi in quattro sezioni tematiche con filmati inediti sulla storia delle armi nucleari e testimonianze dei sopravvissuti dei bombardamenti di Hiroshima e Nagasaki.

 

La mostra SENZATOMICA è stata già ospitata a Pesaro e Firenze (35.000 visitatori in totale), è stata insignita di una medaglia quale speciale premio di rappresentanza dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano nel febbraio 2011 ed ha ottenuto il sostegno di svariate organizzazioni (tra cui IPPNW - International Physicians for the Prevention of Nuclear War - associazione già insignita del Premio Nobel per la Pace, Istituto di Ricerca Internazionale Archivio Disarmo, World Summit of Nobel Peace Laureates, Pugwash - Conferences on Science and World Affairs - associazione già insignita del Premio Nobel per la Pace nel 1995, USPID - Unione Scienziati per il disarmo, Mayors for Peace e molti altri).

 

Scrive Daisaku Ikeda, filosofo buddista riconosciuto dalle più prestigiose istituzioni educative e culturali internazionali e interlocutore dei principali pensatori e uomini di scienza della nostra epoca: “Se dobbiamo lasciarci alle spalle l' epoca del terrore nucleare, dobbiamo lottare contro il vero "nemico". Quel nemico non sono le armi nucleari in quanto tali, ne lo sono gli stati che le hanno o le sviluppano. Il vero nemico che dobbiamo affrontare sono i modi di pensare che giustificano le armi nucleari, la prontezza di annientare altri quando sono considerati una minaccia o un intralcio alla realizzazione dei nostri obbiettivi”

 

 

Orari di apertura dal 9 al 29 marzo 2013:

lun – mar - mer - gio - dom 9.30 – 21.30

ven e sab 9.30 – 22.30

INGRESSO GRATUITO

http://www.senzatomica.it/

 

Per qualsiasi informazione puoi contattare:

- il nostro Coordinatore e Senatore Costelli (3337498199)

- il nostro Resp. Org Nebuloni (3335433380)

- il nostro CdAista Cannarozzo (3316224473)

- la nostra Senatrice Villa (3403747262)

- il nostro rappresentante nell'ente per il diritto allo studio Rossi (3349055309)